Novità per HP-UX

HP ha lanciato HP-UX 11iv3 per Itanium e PA-RISC a gennaio ed ha iniziato le consegne a febbraio di quest’anno. Ha inoltre l’intenzione di rilasciare una nuova versione di HP-UX ogni tre anni circa e fare aggiornamenti di ogni versione ogni sei mesi circa. Questo significa che è giunto il momento di un aggiornamento.

Infatti in questi giorni è stato rilasciato internamente ad HP l’Update 1, chiamato “Vitality”. Sarà seguito dall’Update 2, chiamato “Vibrancy”, a circa sei mesi da adesso.

Ciò che l’Update 1 non contiene, e questo è importante per i clienti che hanno portato le loro applicazioni sul nuovo sistema operativo, sono i cambiamenti al kernel di HP-UX. La maggior parte dei cambiamenti sono nel Virtual Server Environment (VSE), che è l’hypervisor di virtualizzazione casalingo di HP, e ai relativi strumenti di gestione. Le virtual partitions (vPars) e hardware partitions (nPars) che HP ha creato per HP-UX su PA-RISC negli ultimi anni sono state portate su Itanium, e con il lancio di HP-UX 11i v3, la compagnia ha promesso di supportare altri sistemi operativi all’interno di questi ambienti di virtualizzazione. Quando HP-UX 11i v3 è stato rilasciato a febbraio, solo HP-UX poteva girare all’interno di VSE sulle piattaforme 11i v3, ma con l’Update 1 Windows 2003 Server, Linux (RedHat e Novell), e OpenVMS sono tutti supportati nelle VSE partitions.

Con l’Update 1 HP rende inoltre le nPars configurabili al volo tramite una nuova feature chiamata dynamic nPars. Le Virtual partitions erano già dinamiche, consentendo l’allocazione e deallocazione di CPU, memoria, e capacità di I/O al volo mentre sono in esecuzione. Le nPars fino ad adesso avevano risorse fisse che richiedevano un reboot del sistema per essere cambiate. Con l’Update 1 le nPars sono malleabili in termini di CPU, memoria e I/O allocato ad esse. Le nPars offrono pieno isolamento elettronico, che è qualcosa che i clienti interessati alla sicurezza apprezzano, ma vogliono anche la flessibilità delle vPars. Non è chiaro se le dynamic nPars supportino solo HP-UX 11i v3 Update 1 o se anche Windows, Linux e OpenVMS possano girare all’interno di queste partizioni.

E’ incluso anche il supporto per l’hot-swapping dei processori e della memoria senza dover riavviare il sistema. I driver di I/O per HP-UX possono essere aggiunti, sostituiti, o cancellati senza spegnere i server. I tool di compilazione sono stati modificati per lavorare col nuovo sistema operativo e con i processori dual-core Itanium 9000 “Montecito” per sfruttare i processori dual-core e l’architettura che li circonda. L’indirizzamento massimo dello storage su dischi per HP-UX è stato portato a 100 milioni di zettabytes, e il sistema operativo adesso sente automaticamente l’aggiunta di nuovi storage arrays e può assorbirli nello storage pool per l’allocazione mentre il sistema sta girando. HP-UX 11i v3 Update 1 è stato anche certificato per girare sul server blade BL860x Integrity basato su Itanium. HP-UX è stato inserito anche nel software di management blade nello chassis BladeSystem, così da poter essere gestito esattamente allo stesso modo di Windows e Linux.

Sembra che al momento HP non abbia intenzione di portare HP-UX su piattaforma x64, giustificandolo col fatto che per un competitor come Sun, pur offrendo gratis Solaris sui suoi server x64, le maggiori vendite consistono in sistemi Linux.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Login with:
Powered by Sociable!