Nel 2023 Unix è morto?

Nota: quello che segue è un articolo tradotto dall’inglese che parla della “morte di Unix” collegando la vita di Unix all’esistenza di un OS commerciale ufficialmente licenziato, ma abbiamo avuto modo di spiegare in precedenza che ormai da molto tempo UNIX non è più un OS ma piuttosto un insieme di specifiche, e che quindi rimane in vita anche se non c’è un OS specifico che porti il marchio UNIX, a patto che rispetti le specifiche. L’articolo tiene conto di questo aspetto ma sembra comunque legare il nome di UNIX soltanto all’esistenza di un OS commerciale che ne porti il fregio, pur riconoscendo che ci sono sistemi FOSS e di altra origine che rispettano le specifiche.

È la fine di un’era. Come ha spiegato The Register in precedenza, IBM ha trasferito lo sviluppo di AIX in India. Perché IBM dovrebbe pagare per un costoso team con sede negli Stati Uniti per mantenere la propria versione proprietaria di Unix ufficiale quando ha pagato 34 miliardi di dollari per la propria versione FOSS in Red Hat?

Alla scrivania di The Reg FOSS si era sentito che questo stava arrivando da quando abbiamo riferito che Big Blue stava lanciando nuovi server POWER che non supportavano AIX, già quasi otto anni fa. Anche se stava visibilmente arrivando all’orizzonte, questo è un evento significativo: AIX è l’ultimo Unix proprietario che era in fase di sviluppo attivo e costituisce quattro delle 10 voci nell’elenco ufficiale di Open Group .

All’interno di Oracle, Solaris è in modalità di manutenzione . Quasi esattamente sei anni fa, abbiamo riferito che la successiva major release, Solaris 12, era scomparsa dalla roadmap di Oracle . Anche HP-UX di HPE è in modalità di manutenzione perché non c’è nuovo hardware su cui eseguirlo. Itanium è davvero morto ora e alla fine è tutto ciò su cui HP-UX potrebbe funzionare. È passato più di un decennio da quando abbiamo riferito che HP ha indagato ma ha annullato un tentativo di portarlo su x86-64 .

L’ultima incarnazione del gruppo SCO, Xinuos, è ancora in circolazione e offre non una ma due varianti UNIX proprietarie: SCO OpenServer , discendente da SCO Xenix, e UnixWare , discendente da Unix di Novell. Notiamo che OpenServer 10, un sistema operativo più moderno basato su FreeBSD 10, è scomparso dalla homepage di Xinuos. Vale la pena sottolineare che il gruppo SCO era la società precedentemente nota come Caldera e non è la stessa SCO dell’operazione Santa Cruz che ha co-creato Xenix con Microsoft negli anni ’80.

C’erano due distribuzioni Linux cinesi che avevano superato i test dell’Open Group e potevano utilizzare il marchio Unix: Inspur K/UX e Huawei EulerOS . Tuttavia, entrambe le società hanno lasciato scadere il marchio piuttosto costoso . Ma il dettaglio importante qui è che Linux è passato ed è stato certificato come UNIX™. E non era solo una distro, sebbene entrambe fossero derivate da CentOS Linux. Sospettiamo che qualsiasi Linux ce la farebbe perché molti sistemi operativi non Unix sono già passati.

Tuttavia, altri sistemi operativi sono passati o probabilmente lo farebbero facilmente. Lo z/OS di IBM è vivo e vegeto: la versione 2.5 è uscita nel 2021 e nel 2022 Big Blue ha iniziato a offrire istanze cloud . z/OS ha un ambiente compatibile con Unix che ha superato i test di compatibilità così ufficialmente, è un UNIX™, anche se quella non era la sua API nativa originale.

L'”open” nel nome “OpenVMS” si riferiva originariamente alla compatibilità POSIX ottenuta con la versione 5, nel lontano 1991, e fu applicato per la prima volta alla nuova versione per le CPU Alpha di DEC. L’anno scorso VMS Software ha rilasciato la versione 9.2 per hypervisor x86-64 (e un singolo box supportato, DL380 di HPE ).

Sin da Windows NT nel 1993, Windows ha avuto un ambiente POSIX. Ora, con WSL, probabilmente ne ha due, e sospettiamo che se Microsoft fosse così incline, potrebbe avere Windows certificato come sistema operativo compatibile con Unix ufficiale.

Nella nostra recente storia sulla Beta 4 di Haiku , abbiamo detto che non era davvero un Unix. Come puoi vedere, c’è una nota dell’editore allegata alla fine della storia che spiega perché.

Avevamo sentito parlare del principale sviluppatore a tempo pieno di Haiku, che era decisamente in disaccordo con il nostro punto di vista. A suo avviso, il fatto che Haiku ora abbia una forte compatibilità con Unix, con alcune delle principali directory Unix presenti nel suo filesystem, un set abbastanza completo di chiamate API Unix, una shell Unix e così via, significa che Haiku è decisamente un Unix. Riteniamo che in quanto è una reimplementazione di BeOS, con il proprio filesystem nativo, API, GUI e così via, è qualcosa di diverso, che offre anche la compatibilità Unix .

Ma questo illustra la difficoltà di definire con precisione cosa significhi la parola “Unix” nel 21° secolo. Non ha significato “basato sul codice AT&T” da quando Novell ha acquistato Unix System Labs da AT&T nel 1993, ha mantenuto il codice e ha donato il marchio all’Open Group. Da quel momento, se supera i test dell’Open Group (e paghi una quota per utilizzare il marchio), è UNIX™. Haiku non li ha superati quindi non lo è. Linux li ha superati quindi lo è. Ma lo è anche z/OS, che è un diretto discendente di OS/390, o IBM MVS come veniva chiamato quando fu lanciato nel 1974. In altre parole, un sistema operativo che in realtà non è basato, simile o anche relativo a Unix.

Il che significa che l’ultimo UNIX™ commerciale con marchio registrato ufficialmente è macOS 13 di Apple, che sotto il livello della GUI proprietaria è per lo più un sistema operativo open source chiamato comunque Darwin. Il kernel, XNU , è basato su Mach con un “server Unix” interno al kernel derivato da FreeBSD.

Quindi, a partire dal 2023, l’open source ha davvero vinto. Ci sono più sistemi operativi simili a Unix che mai e alcuni sistemi operativi molto diversi da Unix che sono altamente compatibili con esso, ma la linea ufficiale è, a tutti gli effetti, morta e sepolta. Tutti gli Unix proprietari e commerciali sono ora in supporto vitale: riceveranno correzioni di bug essenziali e aggiornamenti di sicurezza, ma non vedremo nessun nuovo rilascio importante.

Articolo originale su The Register

IBM sposta gli sviluppatori AIX con sede negli Stati Uniti in India

The Register ha appreso che IBM ha trasferito i ruoli dei dipendenti statunitensi di IBM Systems che sviluppano aix all’ufficio indiano.

Prima di questa transizione, che si dice sia avvenuta nel terzo trimestre del 2022, lo sviluppo di AIX era stato suddiviso più o meno equamente tra Stati Uniti e India, ha dichiarato una fonte IBM a The Register.

Con l’arrivo del 2023 l’intero gruppo è stato trasferito in India.

IBM ha mancato due volte di rispondere alle richieste di The Register per confermare che ciò corrisponda alla realtà.

Circa 80 sviluppatori AIX con sede negli Stati Uniti sono stati interessati, secondo le stime della nostra fonte. Ci è stato detto che sono stati “ridistribuiti” e hanno avuto un periodo di tempo indeterminato per trovare una nuova posizione interna, in linea con le pratiche che abbiamo riportato la scorsa settimana sulla base delle affermazioni di altri dipendenti IBM.

Evidentemente, la maggior parte di coloro che sono stati ridistribuiti ha trovato lavoro altrove in IBM. Un numero minore di dipendenti è evidentemente bloccato in un “limbo di ridistribuzione”, senza alcun lavoro IBM identificato e senza prospettive evidenti in azienda.

“Sembra anche che queste persone nel limbo della ‘ridistribuzione’ all’interno di IBM siano tutti dipendenti più anziani e idonei alla pensione”, ha affermato la fonte di The Register. “La sensazione generale tra i miei colleghi è che la riassegnazione venga utilizzata per spingere i dipendenti più anziani fuori dall’azienda e per farlo in un modo che eviti il ​​tipo di controllo che deriva dai licenziamenti”.

I licenziamenti generalmente prevedono un’indennità di licenziamento e possono avere obblighi di segnalazione. Le ridistribuzioni – indirizzare i lavoratori a trovare un’altra posizione interna, che potrebbe richiedere il trasferimento – possono evitare costi e burocrazia. Hanno anche il potenziale per incoraggiare i lavoratori a partire da soli.

E’ stato dichiarato a The Register che IBM non rivela i numeri di riassegnazione ai propri dipendenti e non riporta come sono stati ottenuti posti di lavoro interni – tramite ricerca interna, con l’assistenza della direzione – o non sono stati ottenuti – dipendenti lasciati nel limbo o che scelgono di andarsene piuttosto che aspettare.

Rilasciato OpenBSD 7.2

Theo de Raadt ha annunciato il rilascio di OpenBSD 7.2, l’ultima versione del sistema operativo focalizzato sulla sicurezza del progetto OpenBSD. “Siamo lieti di annunciare il rilascio ufficiale di OpenBSD 7.2. Questa è la nostra 53a versione. Siamo orgogliosi del record di OpenBSD di oltre vent’anni con solo due buchi remoti nell’installazione predefinita. Come nelle nostre versioni precedenti, 7.2 fornisce miglioramenti significativi , incluse nuove funzionalità, in quasi tutte le aree del sistema: Piattaforme nuove/estese:

  • Aggiunto supporto per Ampere Altra;
  • Aggiunto supporto per Apple M2;
  • Aggiunto supporto per Lenovo ThinkPad x13s e altre macchine che utilizzano il SoC Qualcomm Snapdragon 8cx Gen 3 (SC8280XP) .

Vari miglioramenti del kernel: consentito l’avvio di bsd.rd e bsd/bsd.mp su istanze Oracle Cloud amd64. Aggiunto supporto per il passaggio dalla glass console alla console seriale sui sistemi arm64 che per impostazione predefinita usano glass console.”

Ulteriori dettagli possono essere trovati nell’annuncio e nelle note di rilascio.

Download: amd64/install72.iso (556MB, SHA256, signature), i386/install72.iso (396MB, SHA256, signature).

Rilasciato DragonFlyBSD 6.2.2, con fix per HAMMER2 e kernel

DragonFlyBSD 6.2 è stato introdotto a gennaio con il porting del driver del kernel Linux AMDGPU, miglioramenti HAMMER2 e il porting dell’hypervisor NVMM, tra gli altri miglioramenti.

Questo fine settimana è uscito DragonFlyBSD 6.2.2 con varie correzioni di bug su  quella base di codice stabile.

DragonFlyBSD 6.2.2 apporta correzioni al suo file system originale HAMMER2 utilizzato per impostazione predefinita per questo sistema operativo BSD. Le correzioni di HAMMER2 vanno dall’affrontare un possibile panic a bug come i file eliminati che permangono fino a quando il file system non viene smontato successivamente.

DragonFlyBSD 6.2.2 affronta anche possibili races su readdir() in TMPFS e ha una varietà di diverse correzioni del kernel. Sono disponibili anche dati aggiornati sul fuso orario come aggiornamento di manutenzione.

L’elenco di poco meno di due dozzine di correzioni di bug stabili che compongono DragonFlyBSD 6.2.2 può essere trovato tramite l’elenco dei commit. Questa versione stabile di DragonFlyBSD può essere scaricata da DragonFlyBSD.org.

Rilasciato OpenBSD 7.1, con supporto per Apple Silicon M1

Il sistema operativo incentrato sulla sicurezza preferito da tutti, OpenBSD 7.1 è stato rilasciato per diverse architetture, compresi i chip Apple M1.

Phoronix la definisce “la versione più recente di questo popolare sistema operativo BSD orientato alla sicurezza”.
Con OpenBSD 7.1, il supporto Apple Silicon è ora considerato “pronto per l’uso generale” con supporto per tastiera/touchpad per laptop M1, un driver del controller di gestione dell’alimentazione aggiunto, driver del controller I2C e SPI e una varietà di altre aggiunte di driver per supportare l’Apple Hardware in Silicon.

OpenBSD 7.1 ha anche una serie di altri miglioramenti a vantaggio delle architetture ARM a 64 bit (ARM64) e RISC-V. OpenBSD 7.1 offre anche miglioramenti del kernel SMP, supporto per futex con memoria anonima condivisa e altro ancora. Sul fronte grafico è in corso l’aggiornamento del codice DRM di Linux rispetto allo stato trovato in Linux 5.15.26 e ora abilita il supporto Intel Elkhart Lake / Jasper Lake / Rocket Lake.

The Register rileva che OpenBSD ora “supporta una gamma sorprendentemente ampia di hardware: x86-32, x86-64, ARM7, Arm64, DEC Alpha, HP PA-RISC, Hitachi SH4, Motorola 88000, MIPS64, SPARC64, RISC-V 64 e sia Apple PowerPC che IBM POWER.”

Il desk FOSS di The Register ha eseguito una copia in VirtualBox e siamo rimasti sinceramente sorpresi di quanto sia stato facile e veloce. Dicendo “sì” a tutto, ha partizionato automaticamente il disco della VM in un array piuttosto complesso di nove sezioni, ha installato il sistema operativo, un boot loader, un server X e un display manager, oltre al window manager FVWM. Dopo un riavvio, abbiamo ottenuto una schermata di accesso grafica e quindi un desktop in stile Motif piuttosto tardo degli anni ’80 con un xterm.

È stato facile installare XFCE, che ci ha permesso di impostare la risoluzione dello schermo e altre sottigliezze moderne, e ci sono anche KDE, GNOME e altri graziosi front-end, oltre a molti strumenti familiari come le app Mozilla, LibreOffice e così via.. ..

Ci aspettavamo di dover fare molto più lavoro. Sì, OpenBSD è un sistema operativo di nicchia, ma il progetto ha fornito al mondo OpenSSH, LibreSSL, il firewall PF utilizzato in macOS, gran parte della libreria C Bionic di Android e altro ancora… In un mondo di sistemi operativi multi-gigabyte, è abbastanza rinfrescante. Sembrava di tornare ai primi anni ’90, l’era di Real Unix, quando dovevi fare un vero sforzo e imparare cose per piegare il sistema operativo alla tua volontà, ma in cambio, hai ottenuto qualcosa di relativamente a prova di proiettile.

1 2 3 50