I progressi di FreeBSD su ARM, Bhyve e CLANG

Logo FreeBSDIl lungo report su FreeBSD del Q1 2014 copre lo stato di diversi progetti FreeBSD, come l’utilizzo del compilatore LLVM/Clang, il supporto per ARM, il supporto per i driver grafici Intel e molti altri argomenti. Alcuni degli aspetti in evidenza sono:

  • I ports FreeBSD stanno per raggiungere quota 25.000 nel tree
  • E’ in fase di lavorazione il porting di una recente snapshot dal kernel Linux del driver Intel i915 DRM/KMS verso il kernel FreeBSD. Attualmente la versione disponibile del driver KMS FreeBSD risale a diverse versioni fa del kernel Linux.
  • Lo stack iSCSI nativo per FreeBSD è in progresso e il nuovo codice dovrebbe essere disponibile per la release 10.1
  • Il nuovo Automounter si avvicina alla fase finale di prototipo funzionante
  • Il supporto UEFI per FreeBSD è in avanzamento e miglioramento
  • Il nuovo codice per le console di sistema VT è attivo nell’attuale ramo di sviluppo di FreeBSD 9 e 10
  • L’hypervisor di virtualizzazione Bhyve sta vedendo l’aggiunta di nuove features
  • FreeBSD adesso funziona sul Samsung Chromebook Cortex-A15
  • Il porting su processore ARM 64-bit (AArch64) è ancora in corso
  • Sia GNOME che KDE stanno venendo aggiornati alle ultime release
  • Il driver KMS Radeon che ha visto la luce in FreeBSD 10.0 sarà presente anche nella prossima release di FreeBSD 9.3

Ulteriori notizie sulle fasi di avanzamento dei progetti FreeBSD sono disponibili nel report quadrimestrale.

Tags: , ,
Inserito in *BSD da LoneStar (27 letture). Nessun commento

SPARC e Solaris vivranno fino al 2019

Oracle ha pubblicato senza clamore una roadmap relativa alle sue piattaforme SPARC e Solaris.

Non vengono offerti molti dettagli, ma è presente una sola slide, disponibile come PDF o come immagine ingrandita.

Solaris-SPARC roadmap 2019

Solaris-SPARC roadmap 2019

Cosa si deduce dalla slide? Gli ottimisti saranno contenti del fatto che Oracle sembra avere tre generazioni di silicio in mente e sembra intenzionata a portare avanti SPARC fino al 2019 e oltre. I pessimisti potranno immaginare se i “core enhancements” previsti intorno al 2019 rappresentino un preoccupante vago annuncio di intenti o direzione. Gli enhancement previsti per il 2017 e il 2018 riguardo ai thread e al throughput sembrano anch’essi incrementali in confronto a quelli più consistenti previsti per il 2015 e il 2016, cosa che potrebbe far preoccupare chi ha necessità di far scalare i propri sistemi SPARC.

Il ciclo di rilasci di Solaris non sarà eclatante: le versioni 10 e 11 del sistema operativo sono uscite nel 2005 e nel 2011 rispettivamente, quindi una release di Solaris 12 nel 2016 rappresenta un cambiamento piccolo o nullo nel suo ciclo di sviluppo.

Articolo originale su The Register

Tags: , , , ,
Inserito in Sun Solaris da LoneStar (72 letture). Nessun commento

NetBSD 7 e i driver DRM/KMS

NetBSDNetBSD entra nella lista dei sistemi operativi BSD dotati di driver grafici DRM/KMS portati dal kernel Linux.

Martedì scorso è stato inserito il codice che aggiunge al kernel NetBSD i driver DRM/KMS. Queste modifiche sono state apportate al ramo “head” e renderanno i nuovi driver grafici parte della release 7.0 di NetBSD più avanti nel 2014.

Al momento attuale solo il kernel amd64/DRMKMS offre questo codice e include i driver open source Intel e Radeon portati dal kernel Linux. Il codice DRM/KMS del kernel Linux è stato originariamente portato su FreeBSD (versione 9.1 e successive) e da allora sia DragonflyBSD che OpenBSD hanno prelevato parte di questo codice.

La conferma dell’incorporazione del codice è stata data sulla mailing list utenti di NetBSD martedì. Questa incorporazione giunge oltre un anno dopo che il team NetBSD si è offerto di pagare per il porting del codice al proprio sistema operativo.

Ulteriori informazioni sulle novità di NetBSD 7.0 possono essere trovate sulla pagina NetBSD.org.

Tags: ,
Inserito in *BSD da LoneStar (122 letture). Nessun commento

Rilasciato GhostBSD 4.0 Alpha 1

GhostBSD LogoGhostBSD 4.0 Alpha 1 è adesso disponibile e si propone come sistema operativo BSD desktop user-friendly, basato sul tree sorgente di FreeBSD 10.0 e MATEWikipedia: MATE è un ambiente desktop per distribuzioni GNU/Linux, fork del codice base di GNOME 2 non più mantenuto dopo il rilascio della versione 3, con cui condivide buona parte del codice, nato nel 2011 p... desktop.

Nel passato GhostBSD includeva GNOME come default ma dalla versione 4.0 la sola opzione desktop supportata sarà MATE, il fork di GNOME2 che ha recentemente rilasciato la sua versione 1.8.

Oltre al passaggio da FreeBSD 9.2 al 10.0 e all’utilizzo di MATE, questo aggiornamento del sistema operativo ora include SpiderOakWikipedia: SpiderOak è un software orientato alla sicurezza per la fornitura di servizi di backup online, sincronizzazione automatica, file hosting e condivisione[1] di file tramite web., LibreOffice in sostituzione di OpenOffice con delle modifiche per la compatibilità con il compilatore Clang, una nuova interfaccia al partition editor GBI, un nuovo network manager, la sostituzione di pkg_add con pkgng, e numerosi altri package.

Chi desidera testare GhostBSD 4.0 Alpha 1 può trovare maggiori dettagli su GhostBSD.org.

Tags: ,
Inserito in *BSD da LoneStar (156 letture). Nessun commento

The UNIX System: Making Computers Easier to Use

Questo breve film del 1982, emerso dagli archivi dei Bell Labs, ci mostra Dennis Ritchie e Ken Thompson che si rivolgono a studenti con interessi nei campi dell’ingegneria, della matematica, della computer science, per spiegare loro i diversi modi in cui UNIX poteva essere utilizzato praticamente.

Vengono affrontati anche argomenti relativi all’editing, alla correzione grammaticale automatica e alla sintesi vocale.

Mettetevi comodi e godetevi lo spettacolo! :)

Tags: , , , ,
Inserito in Notizie generali da LoneStar (252 letture). Nessun commento