SPARC e Solaris vivranno fino al 2019

Oracle ha pubblicato senza clamore una roadmap relativa alle sue piattaforme SPARC e Solaris.

Non vengono offerti molti dettagli, ma è presente una sola slide, disponibile come PDF o come immagine ingrandita.

Solaris-SPARC roadmap 2019

Solaris-SPARC roadmap 2019

Cosa si deduce dalla slide? Gli ottimisti saranno contenti del fatto che Oracle sembra avere tre generazioni di silicio in mente e sembra intenzionata a portare avanti SPARC fino al 2019 e oltre. I pessimisti potranno immaginare se i “core enhancements” previsti intorno al 2019 rappresentino un preoccupante vago annuncio di intenti o direzione. Gli enhancement previsti per il 2017 e il 2018 riguardo ai thread e al throughput sembrano anch’essi incrementali in confronto a quelli più consistenti previsti per il 2015 e il 2016, cosa che potrebbe far preoccupare chi ha necessità di far scalare i propri sistemi SPARC.

Il ciclo di rilasci di Solaris non sarà eclatante: le versioni 10 e 11 del sistema operativo sono uscite nel 2005 e nel 2011 rispettivamente, quindi una release di Solaris 12 nel 2016 rappresenta un cambiamento piccolo o nullo nel suo ciclo di sviluppo.

Articolo originale su The Register

Nasce EdgeBSD

EdgeBSD

Dal codice base di NetBSD è nato quest’anno il nuovo progetto EdgeBSD, che si aggiunge al gruppo dei sistemi operativi Unix-like di base BSD.

Si tratta di un fork che intende introdurre patch e features ad un ritmo più rapido rispetto al sistema padre. Lo scopo è quello di fungere da “staging” a NetBSD, ma potrebbe con il tempo seguire un proprio percorso.

EdgeBSD differisce anche perché ha scelto di adottare GIT come proprio repository di sorgenti rispetto al CVS usato dai BSD core, e poi per una maggiore apertura ai commit dei contributori rispetto alla rigidità di NetBSD. Ad ogni modo fa parte delle intenzioni quella di contribuire patch che possano successivamente essere incluse in NetBSD stesso.

EdgeBSD è stato presentato al Free Open-Source Developers’ European Meeting (FOSDEM 2014).

Siamo anche su Google+

Google+ ha appena inaugurato la possibilità di creare pagine tematiche, ed ecco che UnixPortal ne approfitta per insinuare la sua presenza anche sul social network di Google!

A breve sarà possibile creare un badge da inserire tra gli elementi fissi del portale che gli utenti potranno vedere facilmente, ma intanto ecco il link diretto.

Chi è iscritto a Google+ e volesse aggiungere UnixPortal alle proprie cerchie, non deve far altro che andare sulla pagina e utilizzare l’apposito pulsante.

Quanto prima faremo in modo di pubblicare anche su questa pagina i nuovi articoli man mano che vengono resi disponibili.

Ovviamente, diffondete la notizia!

UnixPortal si rinnova!

Sono passati ben 4 anni da quell’ottobre 2007 in cui UnixPortal è stato aperto al pubblico!

Dopo tutto questo tempo, si rendeva ormai necessario un restyling del portale, sia per aggiornarlo ai nuovi gusti estetici del web 2.0, sia per rinnovare le funzioni e le versioni del software di gestione.

Il cambiamento che vi trovate davanti è radicale: abbiamo abbandonato il CMS Xoops e siamo passati a WordPress. Le ragioni del cambiamento sono pratiche: in realtà WordPress era già il motore principale che pubblicava gli articoli di UnixPortal, ma si trovava incorporato in un modulo di Xoops. Se da un lato questo consentiva di continuare a utilizzare le funzioni tipiche di un CMS completo, rispetto a quelle ridotte di un blog, dall’altro rendeva difficoltoso tenere aggiornato WordPress stesso, dati i grossi adattamenti che erano necessari per incorporare le versioni ufficiali all’interno del modulo di Xoops.

Purtroppo col passare degli anni abbiamo notato che gran parte delle funzioni aggiuntive di Xoops sono state ignorate dagli utenti. In particolare i forum non sono mai stati usati da nessuno. Anche i link, i sondaggi e altre piccole chicche che Xoops offriva non hanno avuto molto successo.

Nel frattempo WordPress ha visto accrescere le proprie funzioni, ed allo stato attuale è in grado di offrire anche esso in forma di moduli molte delle funzioni che prima erano tipiche solo di un vero CMS.

Da qui la decisione di passare a un ambiente WordPress puro, semplice da aggiornare e ripulito da quelle funzioni che non hanno avuto successo presso i nostri lettori.

Con l’approssimarsi del 2011 vi offriamo quindi un UnixPortal nuovo e splendente, che non ha perso nulla dei suoi contenuti principali e che intende aprirsi a nuove collaborazioni e iniziative.

Speriamo di raccogliere l’approvazione dei nostri seguaci e anche maggiori contributi, sia in termini di commenti che di proposte per rendere questo sito sempre migliore e interessante!

PS: alcune parti del sito sono ancora in fase di aggiustamento. Siate comprensivi!

1 2