Addio alle workstation Risc/Unix

Scrive Data Business:

“Nel terzo trimestre del 2007, secondo i dati resi noti da Jon Peddie Research, sono state vendute oltre 762mila workstation nel mondo, con una crescita del 23,2%. Il 99% di queste montano un processore x64 e girano sotto Windows o Linux. Il dato evidenzia come i modelli Risc/Unix, che hanno di fatto sancito la nascita del concetto di stazione di lavoro, siano confinati oggi a una quota prossima alla sparizione.

Eredi dell’architettura x86, i processori x64 di Intel o AMD hanno spinto sempre più ai margini le varie Cpu Alpha, Mips, Pa-Risc e così via. Dalla profusione di processori Risc ancora presenti negli anni Novanta, oggi non restano che gli Sparc di Sun e i Power di Ibm.

È sempre grazie alle workstation Risc/Unix, inoltre, che l’ecosistema Unix ha trovato il proprio equilibrio. Il dinamismo e i margini di mercato di questi prodotti hanno permesso a Unix di imporsi su altri segmenti tecnologici, spingendo soprattutto all’obsolescenza i minicomputer proprietari. Anche qui, il futuro sembra tutto nelle mani di Windows o Linux.”

Ad integrazione e parziale correzione dell’articolo aggiungiamo che è interessante notare che invece non sembra affermarsi particolarmente l’architettura Intel IA-64 (Itanium), che era stata originariamente pensata come asso pigliatutto del mercato RISC di livello Enterprise, e che invece rimane relegata nell’antro di alcuni server HP, e si vede superata dall’evoluzione 64 bit di processori “consumer” come sono il Pentium/Core Duo e l’Athlon64.

Articolo originale su DataBusiness

Dati parziali su John Peddie Research

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Login with:
Powered by Sociable!